Non perderai nessun file sul tuo smartphone grazie a questa nuova funzione: attiva subito e mi ringrazierai

Grazie a questa nuova funzione, potete essere certi che non perderete più nessun file sul vostro smartphone. Ecco perché attivarla subito.

Considerato l’utilizzo che ne facciamo ogni giorno, i nostri smartphone sono ormai da tempo degli enormi archivi di dati personali e sensibili da conservare con cura. Evitando che finiscano nelle mani di malintenzionati, che potrebbero potenzialmente farci qualsiasi cosa. Esistono diversi strumenti pensati per la sicurezza, basti pensare agli antivirus o alla crittografia.

La nuova funzione per la sicurezza dei dati su smartphone
Sicurezza dei dati su smartphone, c’è una nuova funzione – Computer-idea.it

Ma alle volte potrebbero non bastare. O anche, c’è l’errore umano che potrebbe far perdere informazioni utili. Pensate a quando avete per sbaglio cancellato dei file importantissimi e li avete persi per sempre. Se non volete più correre alcun rischio ed essere certi di avere tutto sempre sul vostro telefono, allora dovete attivare subito questa nuova funzione. È geniale e vi pentirete di non averlo fatto prima, la sicurezza è garantita e totale!

File su smartphone: attivate questa funzione e siete sempre sicuri

Una funzione tanto semplice da applicare quanto geniale nel suo utilizzo. Pensata da Google per il suo browser Chrome, ha come obiettivo quello di ridurre al minimo – o eliminare del tutto – le vulnerabilità di corruzione della memoria. Che in certi casi portano alla perdita completa di tutte le informazioni archiviate.

File su smartphone, con questa funzione non perderete più nulla
L’ultima novità introdotta per Google Chrome è utilissima – Computer-idea.it

Il nuovo tool si chiama V8 Sandbox e viene descritto come una “sandbox leggera e in-process per V8“. V8 è un motore JavaScript e WebAssembly, che Google ha utilizzato per sviluppare Chrome. Con un recente articolo, Big G ha affermato che tutti gli exploit di Chrome avvenuti negli ultimi tre anni, hanno preso il via a causa di una vulnerabilità di corruzione della memoria in un processo di rendering.

Che è stato sfruttato per l’esecuzione di un codice da remoto. Motivo per cui, il team di sviluppatori si è mosso per trovare una soluzione. E a quasi tre anni di distanza, si è giunti alla V8 Sandbox. Già incluso nell’ultimo aggiornamento del sistema di navigazione online, darà modo di godere di un approccio più sicuro. Evitando così rischi inutili e potenzialmente letali per i propri file su smartphone.

Secondo quanto emerso, infatti, può essere abilitato come impostazione predefinita su tutte le piattaforme compatibili. Tra cui Android, ChromeOS, Linux, iOS, macOS e Windows. Nulla di più semplice, finalmente avremo tra le mani uno strumento di sicurezza in più.

Impostazioni privacy