Batosta per chi vuole fare soldi sfruttando l’intelligenza artificiale: la nuova legge è durissima

L’approvazione di questa legge potrebbe costringere le aziende a riconsiderare come e quali dati utilizzano per alimentare le loro IA.

L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando diversi aspetti della nostra vita quotidiana, soprattutto in ambito lavorativo. Dalle start-up che sviluppano assistenti virtuali alle grandi aziende che implementano sistemi di IA per automatizzare processi complessi, il potenziale di guadagno sembra illimitato.

fare soldi con l'intelligenza artificiale
L’intelligenza artificiale sta trasformando il mondo degli affari – computer-idea.it

Queste tecnologie permettono di ottimizzare le operazioni aziendali ma aprono anche la porta a nuovi modelli di business, in cui le IA vengono sfruttate per attività non propriamente lecite. Come ben sappiamo, infatti, da grandi potenzialità derivano anche grandi responsabilità.

Mentre alcune aziende hanno trovato nella IA un alleato per spingere la propria produttività, altre hanno visto nelle sue capacità un’opportunità per sfruttare risorse protette da copyright, come opere d’arte, musica e letteratura, senza dover compensare adeguatamente i creatori originali. Questo ha sollevato questioni etiche e legali significative, portando al dibattito su come equilibrare il progresso tecnologico con il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale.

Le nuove regole rendono molto più difficile guadagnare con l’IA

Recentemente, negli Stati Uniti è stata registrata un’importante azione legislativa che potrebbe cambiare drasticamente il panorama per le aziende che sfruttano l’intelligenza artificiale per trarre profitto da contenuti protetti da copyright. Il Congresso americano ha introdotto un disegno di legge che mira a inasprire le regole per le imprese del settore dell’IA generativa.

guadagnare con l'ia è difficile
Alcune aziende sfruttano l’IA per utilizzare opere protette da copyright senza compensare i creatori – computer-idea.it

L’atto, noto come Generative AI Copyright Disclosure Act, è stato presentato dal deputato democratico della California, Adam Schiff, e rappresenta un passo decisivo verso una maggiore trasparenza e responsabilità nel settore.

Il disegno di legge richiede che tutte le aziende di IA generativa elenchino e divulghino qualsiasi opera protetta da copyright utilizzata nei loro dataset di addestramento al Registro dei Copyright prima di lanciare qualsiasi nuovo sistema. Questo include sistemi che generano testo, immagini, musica o video in risposta a input degli utenti.

Le aziende saranno obbligate a presentare questi documenti almeno 30 giorni prima del debutto pubblico dei loro strumenti di IA. In caso di mancata conformità, le stesse aziende si troveranno di fronte a pesanti sanzioni finanziarie. Questa misura si inserisce in un contesto più ampio di tentativi da parte di legislatori e artisti di comprendere e regolamentare come le opere creative vengano utilizzate per allenare software avanzati.

La legge, infatti, non proibisce l’utilizzo di materiali coperti da copyright per l’addestramento dell’IA, ma cerca di imporre un onere significativo alle aziende di rendere pubbliche le informazioni su tali utilizzi. Sempre più esperti, infatti, sottolineano l’importanza di equilibrare il potenziale dell’IA con la necessità di linee guida etiche e protezioni adeguate.

Impostazioni privacy