AliExpress finisce sotto inchiesta: è pericoloso per chi acquista?

AliExpress, una nuova inchiesta ha sconvolto il marketplace. La Commissione UE ha avviato una indagine sulla piattaforma di shopping online.

Il colosso del commercio online AliExpress si trova ora al centro di un’indagine avviata dalla Commissione dell’Unione Europea, sotto il nuovo Digital Services Art (DSA). Tale atto normativo rappresenta un passo storico nell’ambito delle regolamentazioni dell’Unione Europea per il commercio digitale, e richiede alle grandi piattaforme valutazioni mirate dei rischi e altrettante misure di mitigazione.

AliExpress finisce sotto inchiesta: è pericoloso per chi acquista?
AliExpress finisce sotto inchiesta: è pericoloso per chi acquista?   (ComputerIdea.it)
Le accuse riguardano una serie di presunte violazioni del DSA, tra cui la gestione dei rischi, la moderazione dei contenuti, il processo di gestione dei reclami interni e la trasparenza nella pubblicità e nei sistemi di raccomandazione. Altro aspetto importante che sembra essere stato trasgredito è la rintracciabilità dei venditori e l’accesso ai dati per scopi di ricerca.

Non acquistare su AliExpress: la nuova inchiesta della Commissione UE sulla base del Digital Services Act

Già dallo scorso anno, le istituzioni europee hanno alzato la loro attenzione nei confronti dei giganti del settore come AliExpress, Amazon e Zalando per via delle operazioni delle grandi aziende nel mercato digitale.

AliExpress finisce sotto inchiesta: è pericoloso per chi acquista?
AliExpress in grossi guai – (ComputerIdea.it)

Il sito web lanciato nel 2010, è un servizio di negozi online composto da piccole imprese cinesi che offrono articoli e acquirenti online internazionali. È di proprietà di Alibaba, ed è il sito web di e-commerce più visitato in Russia, occupando invece il 10º posto per popolarità in Brasile.

Molti influencer utilizzano il programma di affiliazione AliExpress per guadagnare commissioni promuovendo i prodotti disponibili sui social media. Ci sono quindi preoccupazioni circa la trasparenza e la sicurezza di questa pratica. I canali più utilizzati per fare ciò, sono piattaforme come TikTok e Instagram. Qui, vengono sponsorizzate merci di dubbia qualità, se non addirittura pericolose.

L’elenco completo delle presunte violazioni è tutt’altro che corto, ma al momento, non c’è stata alcuna conferma riguardo la violazione del DSA. L’indagine messa in atto è piuttosto un passo preliminare verso uno studio ancora più approfondito che potrebbe portare a ulteriori misure da parte dell’UE, comprese eventuali sanzioni provvisorie.

Il processo potrebbe protrarsi nel tempo, non esiste infatti un termine definito per la conclusione di un’indagine DSA. Resta aperta per ora, un’analisi dettagliata delle pratiche sfruttate da AliExpress e delle sue possibili implicazioni sul mercato digitale europeo. Non resta che attendere e capire esattamente cosa succederà a questo ennesimo colosso che sembra non aver rispettato tutte le regole internazionali.

Impostazioni privacy