Acqua o caffè sul pc? Se sbagli a pulire peggiori solo la situazione: puoi salvarlo così

Può capitare di rovesciare acqua o caffè sul pc mentre si lavora in ufficio o in smart working, e ci sono errori da non fare.

Molti probabilmente hanno già provato quel brivido di panico quando, durante una sessione di lavoro o di gaming hanno versato accidentalmente del caffè o un’altra bevanda sul computer, magari il laptop.

cosa fare se cade il caffè sul pc
Non è infrequente che caffè o acqua finiscano sul pc – Computeridea.it

Ovviamente i liquidi, di qualsiasi genere, sono estremamente dannosi per le componenti, e dunque è necessario agire nella maniera corretta per evitare di fare danni ancora più gravi. Acqua, caffè, succo d’arancia, bevande energetiche e qualsiasi liquido sono estremamente disastrosi per i componenti elettronici, a maggior ragione se si parla di liquidi zuccherati. Ecco i consigli degli esperti.

Se hai rovesciato del caffè sul pc attenzione a queste procedure per rimediare

Solo se si agisce in fretta, e col sangue freddo, si può evitare un danno maggiore. Gli esperti spiegano gli step per ovviare a questo inconveniente, che purtroppo è più frequente di quel che si crede. La prima cosa da fare è spegnere il pc, e va fatto utilizzando il tasto di accensione, non il comando da display. Questo perché, appunto, si deve agire molto in fretta. Subito dopo, bisogna togliere anche la batteria, che come sappiamo nei laptop è facilmente estraibile.

come pulire laptop danneggiato dall'acqua
Bisogna rovesciare il laptop per far asciugare tutta l’acqua – Computeridea.it

Adesso è importante asciugare il più possibile la tastiera o le alte parti dove è caduto il liquido. Bisogna utilizzare della carta da cucina assorbente o un tovagliolo di cotone, ma NON si deve utilizzare il phon. Questo perché l’aria calda andrebbe solamente a vaporizzare il liquido che raggiungerebbe altre parti del pc.

La mossa giusta, dopo aver effettuato le operazioni descritte sopra, è quella di rovesciare il laptop in posizione a “V”, su di un piano asciutto. Questo farà si che i liquidi si dirigano verso luoghi meno pericolosi, per così dire, e che fuoriescano prima di compromettere le componenti elettroniche. Alcuni esperti consigliano di lasciare in questa posizione il pc per almeno 48 ore.

Trascorso questo tempo, è ora di riaccendere il pc e di verificare l’eventuale entità dei danni. A meno che non si sia degli esperti, è meglio non aprire il dispositivo per cercare di estrarre le parti e asciugarle. Vale la pena investire in un centro di riparazioni, che saprà come riportare il pc alla normalità.

Il consiglio è comunque quello di prevenire; in fondo bastano pochi accorgimenti, come quello di usare tazze o bicchieri col coperchio o, ancora meglio, acquistare una borsa per laptop con la doppia protezione per l’acqua, così da proteggere il dispositivo in ogni circostanza.

Impostazioni privacy