Windows 10 arriva alla sua fine: il tuo PC smetterà di funzionare?

Il 14 ottobre 2025 segnerà la fine del supporto per Windows 10, un annuncio che ha suscitato preoccupazioni tra gli utenti che non hanno intenzione di passare a Windows 11. Cosa significa esattamente questa scadenza e quali sono le opzioni disponibili per chi si trova in questa situazione?

Contrariamente a quanto alcuni potrebbero pensare, Windows 10 non smetterà di funzionare il giorno successivo alla fine del supporto. Tuttavia, ciò significa che Microsoft non rilascerà più aggiornamenti software, aggiornamenti di sicurezza, correzioni di bug o miglioramenti software. Questa situazione espone gli utenti a rischi significativi, soprattutto in termini di sicurezza informatica.

Rimanere con Windows 10 può non essere la soluzione migliore
Preferisci mantenere Windows 10 o fare l’upgrade? – computer-idea.it (fonte Canva)

Gli aggiornamenti di sicurezza sono fondamentali per proteggere i sistemi operativi dalle vulnerabilità sfruttate dai cybercriminali. Senza questi aggiornamenti, i computer con Windows 10 diventeranno bersagli sempre più facili per attacchi informatici.

Una possibile soluzione è l’acquisto degli aggiornamenti di sicurezza estesi (ESU) da Microsoft, anche se questo servizio può risultare costoso nel tempo e non include altri tipi di aggiornamenti come quelli dei driver.

Passaggio a Windows 11: pro e contro

Un’altra opzione è l’aggiornamento a Windows 11. Sebbene all’inizio abbia ricevuto critiche negative, il sistema operativo ha visto miglioramenti significativi. Tuttavia, non tutti i computer saranno compatibili con i requisiti hardware richiesti da Windows 11.

Soluzioni per non usare Windows 11
Cosa fare se non vuoi usare Windows 11? – computer-idea.it (fonte Canva)

Per coloro che scoprono che il loro hardware non è compatibile, esistono metodi alternativi per aggirare questi controlli, anche se Microsoft non li raccomanda ufficialmente. Prima di decidere l’aggiornamento è importante considerare le proprie esigenze specifiche e verificare la compatibilità delle applicazioni critiche con il nuovo sistema operativo.

Per chi preferisce evitare completamente Windows 11 c’è la speranza che il futuro lancio di Windows 12 possa offrire una soluzione migliore. Tuttavia, al momento ci sono poche informazioni concrete su questo ipotetico nuovo sistema operativo e affidarsi ad esso rappresenta una scommessa incerta.

Esplorazione delle alternative: macOS, Chrome OS e Linux

Infine, gli utenti possono considerare sistemi operativi alternativi come macOS (che richiederebbe nuovo hardware), Chrome Flex OS (per trasformare vecchi dispositivi in Chromebook) o Linux. Linux in particolare offre diverse distribuzioni con interfacce grafiche simili a quelle di Windows ed è gratuito; tuttavia presenta una curva d’apprendimento dovuta alla differenza sostanziale dal sistema operativo Microsoft.

Ogni alternativa ha i suoi vantaggi e svantaggi specifici ed è importante valutare attentamente quale opzione si adatta meglio alle proprie necessità prima di prendere una decisione definitiva sulla direzione futura post-Windows 10.

In sintesi, la fine del supporto per Windows 10 pone davanti agli utenti diverse strade da poter seguire: continuare ad utilizzare il sistema senza aggiornamenti futuri assumendosi i rischi legati alla sicurezza; pagando ESU; passando a un nuovo sistema operativo come Windows sia esso un upgrade al controverso ma migliorato Windows o attendendo novità future; oppure virando verso alternative completamente diverse come macOS o Linux. La scelta dipenderà dalle priorità individuali riguardanti la spesa economica diretta ed indiretta legata all’apprendimento d’un nuovo ambiente o ai possibili compromessi sicurezza, compatibilità hardware/software e facilità d’uso.

Impostazioni privacy