Twitch in grave crisi, l’ultima mossa è un brutto presagio: è destinata a chiudere?

L’ultima mossa di Twitch ha spiazzato tutti, la piattaforma è in evidente difficolta: è destinata a chiudere? Ecco cosa sta accadendo.

Negli ultimi anni la piattaforma Twitch ha accolto sempre più utenti, con gli streamer che hanno ricevuto decisi benefici da questa positiva evoluzione. Durante il periodo della pandemia la svolta per la piattaforma di Amazon è stata incredibile, ma nonostante questo risvolto ancora non si riesce a trovare la strada che la conduca ad un modello di business capace di generare profitti.

Twitch grave crisi
La piattaforma Twitch vive un momento di profonda crisi – (Computer-Idea.it)

La situazione inerente alla piattaforma streaming è piuttosto delicata, anche a seguito dell’ultima mossa effettuata dalla società che non fa presagire nulla di buono. Una decisione che rende chiara l’idea di come qualcosa non vada per il verso giusto, con tanti utenti che si chiedono se Twitch sia destinato a chiudere. Quanto deciso dal “social viola” sorprende sia gli utenti della piattaforma sia i content creator che lavorano sulla stessa. Entriamo nei dettagli di quanto accaduto per capire cosa sta succedendo attorno alla realtà.

Brutta mossa di Twitch, licenziati tanti dipendenti: cosa sta accadendo

La rete è un terreno di tantissime opportunità ma queste non sempre imboccano percorsi positivi. Nel 2023 tanti streamer su Twitch hanno evidenziato qualche difficoltà, un discorso che si rafforza se si pensa al fatto che la stessa società abbia lo scorso anno lasciato a casa ben 400 dipendenti.

Twitch licenzia dipendenti
La piattaforma Twitch ha licenziato 500 dipendenti – (Computer-Idea.it)

L’apertura del nuovo anno per Twitch non è stata affatto positiva dato che l’azienda ha annunciato il licenziamento di altri 500 dipendenti, pari a circa 35% della forza lavoro attuale. La decisione ha portato degli scossoni interni che portano a chiedersi quale sarà il futuro per la nota piattaforma streaming.

Gli sforzi profusi dal CEO Dan Clancy durante tutto il 2023 non sembrano essere bastati a rilanciare la piattaforma. Nonostante l’allentamento di alcune restrizioni, come l’apertura al simulcast su diverse piattaforme nello stesso momento, utili ad attirare maggiore utenza sia sul lato degli streamer sia sul lato del pubblico.

Dunque lo scenario che coinvolge Twitch è abbastanza complesso e le varie attività messe in campo sembrano non aver cambiato la rotta. Ad ogni modo, la piattaforma continua ad essere attiva con gli streamer che fanno live secondo il programma stilato. Per capire quale sarà il futuro del sito bisogna attendere le prossime evoluzioni, con i vertici che saranno chiamati inevitabilmente a prendere delle serie decisioni.

Impostazioni privacy