“Stabilità insufficiente”: l’azienda mette in allarme i possessori di questa diffusissima auto

Un caso che sottolinea ancora una volta l’importanza di una tecnologia affidabile e sicura nell’industria automobilistica.

Recentemente, un famoso produttore di automobili ha lanciato un allarme che riguarda centinaia di migliaia di possessori di una delle sue auto più popolari. Un annuncio che ha scatenato discussioni tra gli appassionati di auto e i consumatori, ponendo l’accento su un problema sempre più evidente: i veicoli elettrici sono in una fase di sviluppo forse ancora troppo precoce e, come tali, creano spesso diversi problemi a chi li acquista.

tesla ha lanciato un allarme
È stato lanciato un allarme che riguarda migliaia di auto – computer-idea.it

L’azienda, nota per essere all’avanguardia nel settore dei veicoli elettrici e dell’autonomia di guida, ha rivelato che circa 200.000 veicoli sono interessati da un problema di “stabilità insufficiente”. Il difetto riguarda specificatamente un malfunzionamento del software che potrebbe compromettere la visibilità dei guidatori durante la retromarcia. Ma quale è l’azienda al centro di questa tempesta?

I veicoli elettrici creano ancora diverse preoccupazioni

Stiamo parlando ovviamente di Tesla, il gigante dell’auto elettrica guidato da Elon Musk. Con i suoi modelli S, X e Y del 2023 interessati da questo richiamo, Tesla dimostra ancora una volta come le innovazioni tecnologiche possono porre sfide inaspettate.

tesla ha risolto un problema con un aggiornamento via software
Il problema è stato risolto senza il bisogno di richiamare i veicoli in fabbrica (Foto YouTube Tesla) – computer-idea.it

Il problema è stato segnalato dalla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), l’ente regolatore della sicurezza stradale negli Stati Uniti. L’agenzia ha sollevato preoccupazioni per il fatto che questo problema possa aumentare il rischio di incidenti, specialmente in situazioni di retromarcia dove una visuale chiara è cruciale.

Sorprendentemente, questo annuncio arriva a meno di due mesi da un precedente richiamo effettuato dall’azienda, riguardante quasi tutti i suoi veicoli negli Stati Uniti per l’installazione di nuove protezioni nel suo avanzato sistema di assistenza alla guida, Autopilot. L’NHTSA aveva infatti aperto un’indagine sull’Autopilot dell’azienda nell’agosto 2021, dopo aver identificato più di una dozzina di incidenti in cui i suoi veicoli avevano colpito veicoli di emergenza fermi.

I modelli interessati sono alcuni dei più recenti e tecnologicamente avanzati sul mercato. Per affrontare il problema, il produttore di auto ha rilasciato un aggiornamento software over-the-air (OTA) gratuito. Al 22 gennaio, l’azienda aveva identificato 81 reclami in garanzia che potrebbero essere correlati a questa condizione della telecamera posteriore.

La rapidità e l’efficacia di questa soluzione sono cruciali per mantenere la fiducia dei consumatori. Questa serie di richiami ha però messo in luce anche la crescente dipendenza dai software nei veicoli moderni e i potenziali rischi che ne derivano.

Impostazioni privacy