Il tuo caricabatterie rischia di incendiarsi, tutta colpa degli hacker: l’errore fatale

Massima attenzione alla nuova minaccia hacker: il caricabatterie rischia di incendiarsi, c’è un questo metodo con cui possiamo evitarlo.

Ormai è diventato praticamente impossibile vivere senza uno smartphone. Un paradosso in una società che afferma di essersi “liberata” da ogni vincolo. Al punto che viene il dubbio di essere stati “emancipati” da legami vitali solo per essere legati ad altre catene. Sta di fatto che la diffusione del cellulare è accompagnata da effetti collaterali piuttosto preoccupati.

Attacco hacker fa incendiare i caricabatterie
Attenzione agli hacker: caricabatterie a rischio di incendio – computer-idea.it

Uno di questi effetti collaterali è la cosiddetta “nomofobia”, vale a dire la paura di diventare “no-mobile phone“, di rimanere cioè senza telefono cellulare e, di conseguenza, finire per essere tagliati fuori da tutto. Insomma, sta di fatto che oggi lo smartphone sembra essersi trasformato in una sorta di protesi esistenziale, come se fosse un prolungamento della nostra mano.

Al suo interno questo piccolo oggetto elettronico contiene un numero sempre crescente di informazioni. Tantissimi nostri dati personali sono custoditi al suo interno e le numerosissime app ospitate sugli smartphone crescono di giorno in giorno. Peccato che la diffusione dello smartphone si sia accompagnata poi alla crescita di minacce come quella degli hacker. Che in questo caso rischia di far andare a fuoco il caricabatterie del telefono. E come? Adesso lo vedremo.

Ecco come gli hacker incendiano i caricabatterie

I cybercriminali non lesinano sforzi per mettere le mani sui nostri telefoni e soprattutto sui dati che contengono. In questo modo infatti hanno la possibilità di accedere ai nostri conti o alle nostre carte e certo non per lasciarli intatti. 

Pericolo caricabatterie
In questo modo gli hacker fanno andare a fuoco i caricabatterie – computer-idea.it

A quanto pare recenti attacchi hacker hanno preso di mira anche i caricabatterie. Ormai si sono molto diffusi quelli che funzionano con tecnologia wireless, più facilmente controllabili da remoto. Oltre a indubbi vantaggi questa ricarica a induzione però rischia di finire nelle mani sbagliate mettendo in serio pericolo i nostri dispositivi.

Infatti i caricabatterie wireless sono composti da una carica induttiva attraverso bobine in grado di produrre un campo elettromagnetico capace di influenzare anche altri dispositivi. Sembra che la minaccia VoltSchemer abbia portato al surriscaldamento della tensione generata dalla ricarica di un telefono.

In sostanza un sensore dovrebbe provvedere a rilevare quando la carica si è completata e interrompere l’afflusso di corrente. Cosa che in questo caso non si verifica. Si produce così un sovraccarico che porta il dispositivo a incendiarsi. Il consiglio degli esperti è quello di prestare la massima attenzione oltre a quello di scegliere un caricabatterie a norma e sicuro, meglio se col classico filo usb-C.

Impostazioni privacy