Il rischio di violazione del tuo account Facebook è altissimo: prendi subito precauzioni

Nell’era digitale in cui viviamo, la sicurezza dei nostri dati personali online è diventata una priorità assoluta.

Tra i vari strumenti a nostra disposizione per salvaguardare le nostre informazioni, l’autenticazione a due fattori (2FA) rappresenta una delle misure di sicurezza più efficaci e semplici da attivare. Questo metodo aggiunge un ulteriore livello di protezione ai nostri account, andando oltre la semplice password.

Protezione con l'autenticazione a due fattori
Proteggi i tuoi dati e tieni alla larga gli attacchi informatici – computer-idea.it (fonte Canva)

Quando si parla di piattaforme social come Facebook, dove condividiamo quotidianamente pensieri, foto e interagiamo con amici e familiari, garantire la sicurezza del nostro account diventa fondamentale.

L’autenticazione a due fattori funziona richiedendo all’utente due forme diverse di identificazione: qualcosa che sanno (la loro password) e qualcosa che hanno (come un codice temporaneo inviato al loro telefono cellulare). Questo significa che anche se qualcuno dovesse venire a conoscenza della vostra password, non sarebbe comunque in grado di accedere al vostro account senza il secondo fattore di autenticazione.

Autenticazione a due fattori su Facebook

Attivare l’autenticazione a due fattori su Facebook è un processo semplice e diretto. Innanzitutto bisogna accedere alle impostazioni dell’account sotto la sezione “Sicurezza e accesso”. Qui troverete l’opzione per configurare l’autenticazione a due fattori. Facebook offre diverse opzioni per il secondo fattore: si può scegliere tra ricevere un codice via SMS sul proprio telefono cellulare o utilizzare un’app dedicata alla generazione di codici come Google Authenticator o Duo Mobile.

Attenzione agli accessi su Facebook
La password non è sufficiente per un login sicuro – computer-idea.it (Fonte Canva)

Una volta attivata l’autenticazione a due fattori, ogni volta che si tenterà di accedere al proprio account da un nuovo dispositivo o browser, Facebook richiederà il codice generato oltre alla password abituale. Questo passaggio aggiuntivo può sembrare leggermente scomodo all’inizio; tuttavia, il livello aggiuntivo di sicurezza che fornisce è impagabile nel proteggere le informazioni personali dagli occhi indiscreti o dai tentativi malevoli di accesso al proprio account.

È importante ricordarsi che nessun sistema è infallibile; tuttavia, abilitando funzioni come l’autenticazione a due fattori su piattaforme come Facebook si compie un passo significativo verso la protezione della propria identità digitale. Inoltre, mantenere sempre una vigilanza critica sui propri dispositivi e sulle proprie pratiche online contribuisce ulteriormente alla sicurezza dei dati personali nell’ampio spazio digitale in cui navighiamo ogni giorno.

Nel 2021 sono stati violati ben 533 milioni di account Facebook

Nel 2021, il mondo digitale è stato scosso da una notizia allarmante: ben 533 milioni di account Facebook sono stati violati a seguito di una massiccia falla di sicurezza. Questo evento ha messo in luce la vulnerabilità dei dati personali degli utenti sulla piattaforma, sottolineando l’importanza di adottare misure preventive per salvaguardare la propria privacy online. In un contesto dove le minacce informatiche sono sempre più sofisticate e pervasive, diventa fondamentale rafforzare le difese del proprio account.

Evita che ti venga hackerato l'account
Il rischio di attacchi è molto più alto di quanto pensi – computer-idea.it (Fonte Canva)

Una delle strategie più efficaci per proteggere gli accessi al proprio profilo Facebook consiste nell’attivazione degli alert di accesso. Questa funzionalità, semplice ma potente, invia notifiche immediate all’utente ogni volta che viene rilevato un tentativo di accesso al suo account da un dispositivo o browser non riconosciuto. Attraverso questa immediata segnalazione, è possibile intervenire tempestivamente bloccando gli accessi non autorizzati e modificando la propria password per prevenire ulteriori intrusioni.

Implementare gli alert di accesso rappresenta quindi un passo cruciale nella costruzione di una barriera difensiva contro le violazioni dei dati personali, consentendo agli utenti di mantenere un controllo proattivo sulla sicurezza del loro profilo Facebook e riducendo significativamente il rischio associato alle crescenti minacce informatiche. Inoltre, accanto all’attivazione degli alert di accesso, è consigliabile adottare altre pratiche come l’utilizzo di password complesse e uniche per ogni servizio online e l’abilitazione dell’autenticazione a due fattori (2FA), ulteriormente incrementando il livello di protezione del proprio account digitale.

Come proteggere il tuo account

Per attivare l’2FA sul tuo account Facebook, il processo è semplice e diretto. Dopo aver effettuato l’accesso, dirigiti verso il tuo profilo e seleziona “Impostazioni e privacy”, poi “Impostazioni”. Qui troverai il riquadro “Centro gestione account”; cliccando su “Password e sicurezza” apparirà l’opzione per attivare l’autenticazione a due fattori.

Una volta dentro la sezione dedicata all’autenticazione a due fattori, Facebook ti offrirà diverse opzioni per ricevere il codice di sicurezza: tramite SMS sul tuo telefono cellulare o attraverso un’applicazione dedicata alla generazione di codici temporanei. La scelta dipende dalle tue preferenze personali e dalla disponibilità tecnologica; ad esempio, ricevere un SMS potrebbe essere più immediato se hai sempre con te il cellulare, mentre un’app come Google Authenticator o Authy può essere utile se desideri evitare problemi legati alla ricezione di messaggi testuali o se cerchi una soluzione più sicura contro eventuali tentativi di intercettazione dei codici.

Attivando l’autenticazione a due fattori su Facebook aumenterai significativamente la protezione del tuo account contro accessi non autorizzati. Anche nel caso in cui qualcuno dovesse venire a conoscenza della tua password, senza il secondo fattore – il codice temporaneo – non sarebbe in grado di accedere al tuo profilo. È una misura semplice da implementare ma estremamente efficace nella salvaguardia della tua identità digitale e delle informazioni personali che condividi online. Ricorda che la sicurezza informatica parte dalle azioni preventive: prendersi cura della propria presenza digitale è fondamentale nell’epoca moderna ed è responsabilità di ogni utente adottare tutte le precauzioni necessarie per proteggere sé stesso e i propri dati nel vasto mondo del web.

Attivare gli avvisi di accesso

Una volta entrati nella sezione “Avvisi di accesso” delle impostazioni di Facebook, ti troverai davanti a un bivio: ricevere gli avvisi via email, tramite notifiche push sulla tua app mobile o optare per entrambe le soluzioni. La scelta dipende interamente dalle tue abitudini e preferenze personali.

Attiva le notifiche che ti avvisano degli accessi
Con gli avvisi di accesso puoi controllare chi tenta di fare il login – computer-idea.it (fonte Canva)

Optare per ricevere gli avvisi via email può essere la scelta ideale per coloro che non sono costantemente attaccati al loro dispositivo mobile o preferiscono avere un archivio delle comunicazioni ricevute facilmente consultabile. Le email hanno il vantaggio di poter essere organizzate in cartelle e filtrate, rendendo più semplice ritrovare un determinato messaggio quando necessario.

D’altra parte, scegliere le notifiche push direttamente sulla propria app mobile offre il vantaggio dell’immediatezza. Questa opzione è perfetta per chi desidera essere informato in tempo reale su ogni novità senza dover aprire l’applicazione o controllare la propria casella di posta elettronica. Le notifiche push sono ideali per gli utenti sempre in movimento che vogliono ridurre al minimo il rischio di perdere informazioni importanti.

Infine, selezionando l’opzione per ricevere sia le email che le notifiche push si ottiene il meglio dai due mondi: la sicurezza di avere sempre accessibile l’informazione attraverso l’email e la comodità della tempestività grazie alle notifiche sull’app. Questa soluzione combinata garantisce una copertura completa assicurandosi che nessun avviso vada perso.

La flessibilità offerta dalle moderne piattaforme digitali nel personalizzare i canali attraverso i quali riceviamo gli avvisi rappresenta un aspetto fondamentale nell’ottimizzazione della nostra esperienza online. Scegliendo con cura come desideriamo essere informati possiamo migliorare significativamente la gestione del nostro tempo e delle nostre attività quotidiane senza rinunciare a nulla.

Notifiche di accesso sospetto

Quando ricevi una notifica di questo tipo, ti viene fornita una panoramica dettagliata dell’evento sospetto, inclusi il luogo esatto e il tipo di dispositivo utilizzato per tentare l’accesso. Queste informazioni sono fondamentali perché ti permettono di valutare immediatamente se l’attività segnalata corrisponde a un tuo comportamento abituale o se si tratta effettivamente di un tentativo di intrusione. Se riconosci il dispositivo e la posizione come sicuri, perché corrispondenti ad un tuo recente accesso da un luogo o con uno strumento diverso dal solito, hai la possibilità di aggiungere tale dispositivo all’elenco dei dispositivi fidati. Questa azione semplificherà i futuri accessi e ridurrà il numero delle notifiche d’allarme che riceverai.

D’altra parte, se non riconosci le informazioni fornite nella notifica, è essenziale agire rapidamente per proteggere il tuo account. La maggior parte dei servizi offre la possibilità di segnalare immediatamente l’accesso come non autorizzato direttamente dalla stessa schermata della notifica. Inoltre, sarà opportuno modificare immediatamente la tua password e controllare le impostazioni del tuo account per eventuali modifiche sospette effettuate dall’intruso.

Queste procedure rappresentano solo alcuni degli strumenti a nostra disposizione per mantenere al sicuro le nostre identità digitali in questo mondo sempre più connesso. È importante essere proattivi nella gestione della sicurezza online e familiarizzare con queste pratiche può fare una grande differenza nel proteggere efficacemente i nostri dati personali da occhi indiscreti o malintenzionati.

Controllo periodico della sicurezza

Entrare nella sezione Controllo della sicurezza del proprio account significa fare un check-up completo delle impostazioni attuali, verificando che siano configurate per offrire il massimo livello di protezione possibile. Durante questo processo, è importante prestare attenzione a diverse opzioni, come la verifica in due passaggi, le autorizzazioni delle app terze parti e le impostazioni relative alla visibilità dei propri dati personali.

Controlla spesso le impostazioni di sicurezza
Abituati a rivedere le impostazioni di sicurezza del tuo account – computer-idea.it (Fonte Canva)

Molti servizi online offrono guide dettagliate su come navigare nelle loro sezioni di sicurezza e privacy, rendendo relativamente semplice per gli utenti rivedere e modificare le proprie preferenze. Tuttavia, nonostante queste risorse a disposizione, molti tendono a sottovalutare l’importanza di questo controllo periodico o lo rimandano a causa della mancanza di tempo o dell’eccessiva complessità percepita.

È fondamentale comprendere che la sicurezza online non è un concetto statico ma dinamico; nuove minacce emergono costantemente e i servizi digitali aggiornano frequentemente le loro politiche e funzionalità di sicurezza. Pertanto, quello che era considerato sicuro sei mesi fa potrebbe non esserlo più oggi. Verificando regolarmente queste impostazioni si può agire tempestivamente per adeguarsi ai cambiamenti ed evitare spiacevoli sorprese.

Adottando questa abitudine si contribuisce significativamente alla propria sicurezza digitale personale. Non solo si aumenta la consapevolezza riguardo alle proprie configurazioni di privacy ma si impara anche a gestire più efficacemente i propri dati online. In definitiva, dedicando un po’ del nostro tempo alla revisione delle impostazioni di sicurezza possiamo costruire una solida difesa contro molte delle minacce digitali odierne.

Impostazioni privacy