Addio di Motorola e Lenovo alla nazione: perché non venderanno più

Il futuro di questa disputa riserva ulteriori sviluppi legali, che potrebbero ridefinire il panorama delle licenze a livello globale.

Nel corso degli anni, Lenovo e Motorola sono diventate due delle marche di dispositivi mobili più riconosciute in tutto il mondo, offrendo una vasta gamma di prodotti, dai telefoni cellulari ai laptop avanzati. Tuttavia, recentemente, una decisione giudiziaria ha scosso uno dei più importanti mercati europei, portando a un cambiamento significativo nella disponibilità dei loro dispositivi.

motorola e lenovo non vendono più in una nazione europea
Lenovo e Motorola hanno rimosso i loro prodotti dai siti web e dai negozi di una specifica nazione europea (Foto YouTube Motorola) – computer-idea.it

L’industria tecnologica è spesso soggetta a complessi conflitti legali che possono influenzare drasticamente la disponibilità dei prodotti. La recente sentenza di un tribunale contro Lenovo e Motorola ne è un esempio lampante. Questo evento segna un punto di svolta per le due aziende e rappresenta anche una testimonianza delle complesse dinamiche del settore dei brevetti e delle licenze tecnologiche.

La sentenza inaspettata: Motorola e Lenovo bannati da uno dei più importanti mercati europei

L’11 maggio 2024, il tribunale distrettuale di Monaco ha emesso una sentenza che vieta la vendita di vari dispositivi Lenovo e Motorola in Germania. Questo divieto riguarda dispositivi che utilizzano moduli WWAN, essenziali per la connettività internet mobile. La decisione include smartphone, tablet e laptop di entrambe le marche che utilizzano reti mobili come GSM, UMTS, LTE e 5G.

lenovo e motorola bannati da una nazione europea
Una sentenza del tribunale tedesco ha vietato la vendita di dispositivi Lenovo e Motorola in Germania (Foto YouTube Lenovo) – computer-idea.it

La radice di questa disputa risiede nei termini di licenza della tecnologia WWAN, brevettata da InterDigital. Lenovo e Motorola utilizzano questa tecnologia nei loro dispositivi, ma non sono riusciti a trovare un accordo sulle tariffe di licenza con InterDigital. Quest’ultima sostiene che le tariffe offerte da Lenovo non siano né eque né ragionevoli, portando così la questione in tribunale.

La mancanza di un accordo sul principio FRAND (Fair, Reasonable, and Non-Discriminatory) ha alimentato ulteriormente il conflitto, poiché entrambe le parti hanno interpretazioni diverse su cosa costituisca un termine di licenza equo e ragionevole. Il tribunale distrettuale di Monaco I ha quindi emesso una sentenza a favore di InterDigital.

Quindi determinando che Lenovo e Motorola debbano cessare immediatamente la vendita, l’offerta e l’importazione di dispositivi che utilizzano la tecnologia WWAN in Germania. La decisione è stata esecutiva subito dopo che InterDigital ha depositato una cauzione di quattro milioni di euro, obbligando di fatto Lenovo e Motorola a bloccare tutto.

Anche se alcuni rivenditori potrebbero ancora avere scorte esistenti, una volta esaurite, si prevede una carenza di questi prodotti sul mercato. Questo potrebbe portare a problemi di consegna e a un aumento della domanda di dispositivi di marche concorrenti.

Impostazioni privacy