Account Instagram disabilitato: Ecco come ripristinarlo

Nel mondo dei social media, uno degli inconvenienti più frustranti per gli utenti è la disabilitazione del proprio account Instagram.

Questo fenomeno non è raro e può accadere per una serie di motivi, spesso lasciando l’utente confuso e alla ricerca di soluzioni per recuperare il proprio profilo. Nel 2023, le politiche e le procedure di Instagram relative alla gestione degli account disabilitati hanno subito cambiamenti significativi, rendendo ancora più importante essere informati su come navigare in queste acque turbolente.

Se hai l'account bloccato, non disperare
Ritrovarsi con l’account Instagram disabilitato può essere frustrante, ma c’è speranza! – computer-idea.it (Fonte Canva)

Una delle cause più frequenti di disabilitazione è l’artificial ban, che si verifica quando un utente compie un numero eccessivo di azioni in breve tempo, portando Instagram a sospettare l’utilizzo di bot o pratiche spam. Questa tipologia di ban era solitamente facile da risolvere fino a tempi recenti.

Un altro motivo comune riguarda gli utenti che utilizzano applicazioni esterne non autorizzate da Instagram. Queste app possono portare alla detezione dell’account come potenzialmente dannoso o spam e conseguentemente alla sua disabilitazione.

Come appellarsi contro la disabilitazione

Instagram ha introdotto un metodo che richiede agli utenti di inviare una foto con nome, nome utente e numero scritti su un foglio. Tuttavia, molti commettono errori nell’esecuzione della foto o nella fornitura delle informazioni richieste, portando a un alto tasso di rifiuto delle richieste d’appello.

Ripristina il tuo account Instagram seguendo le linee guida
Segui attentamente le istruzioni per ripristinare il tuo account – computer-idea.it (Fonte Canva)

Gli errori più frequentemente commessi dagli utenti includono l’omissione di alcuni dati richiesti o la realizzazione della foto in modo speculare, rendendo le informazioni illeggibili. Questo porta spesso al rifiuto definitivo dell’appello da parte di Instagram senza possibilità ulteriori per l’utente.

Nonostante le difficoltà incontrate nel processo standard d’appello proposto da Instagram, esistono metodi alternativi attraverso i quali tentare il recupero del proprio account. Tra questi vi sono:

  • Lavorare con agenzie specializzate: Agenzie come MLG Social Media Security offrono servizi professionali per il recupero degli account ma operano a pagamento.
  • Utilizzare moduli specifici: Esistono diversi moduli forniti direttamente da Instagram che possono essere compilati ed inviati come tentativo d’appello. Ogni modulo si rivolge a situazioni specifiche:
    • Modulo generale: Richiede informazioni base sull’account.
    • Modulo per dichiarazione fotografica: Utilizzato principalmente dalle aziende.
    • Richiesta dati: Per chi non può accedere ai propri dati personali.
    • Furto di identità: Se si è stati bloccati per presunto furto di identità.

La pazienza gioca un ruolo cruciale nel processo d’appello contro la disabilitazione del proprio account su Instagram; molte volte i tempi possono essere lunghi e le risposte non immediate. È fondamentale seguire attentamente le istruzioni fornite da Instagram ed evitare errori comuni durante la compilazione dei moduli d’appello.

Ricordiamo infine l’importanza della prevenzione: evitare comportamenti a rischio come l’utilizzo intensivo dell’account in brevi periodi temporali o ricorrere ad applicazioni terze non approvate può ridurre significativamente il rischio di vedersi disabilitare il profilo. In caso di problematiche legate all’account Instagram, esistono percorsi e strumenti messi a disposizione dalle piattaforma stessa ma anche supporto professionale qualora necessario; tuttavia ogni situazione va valutata individualmente considerando i costi ed i benefici dell’intervento specialistico rispetto alle procedure standard offerte dal social network.

Impostazioni privacy