Samsung: Android e Windows in simultanea

Il tema multi-OS è tornado attuale grazie a Samsung. L’azienda sud coreana ha depositato la richiesta di brevetto per poter realizzare un dispositivo caratterizzato dall’installazione in simultanea di Android e Windows. A differenza di quanto già realizzato in passato, questo nuovo smartphone non consentirà all’utente di scegliere quale sistema operativo far partire all’avvio, bensì sarebbe in grado di garantire il caricamento di entrambi i software.

Samsung: due sistemi operativi possono coesistere

Ad onor del vero, bisogna dire che la richiesta di brevetto avanzata dall’azienda sud coreana era partita a maggio, ma solo recentemente la notizia è stata resa pubblica. Non è noto, quindi, se il marchio abbia portato avanti il progetto o meno. Tuttavia, l’interessamento è evidente e, considerati anche i problemi recenti che hanno costretto la società a ritirare dal mercato il Galaxy Note 7, un nuovo dispositivo multi-OS potrebbe essere l’occasione per il rilancio.

Precedentemente, un dispositivo di questo tipo era già stato realizzato, ma consentiva di passare da un sistema operativo all’altro tramite riavvio del telefono e in base alla scelta dell’utente. Nel progetto dell’azienda di Suwon, invece, i due sistemi operativi possono coesistere. In sostanza, l’utente potrà gestire sia Windows che Android come fossero due semplici applicazioni, passando all’utilizzo immediato dell’uno o dell’altro con un semplice swipe sul telefono.

Le operazioni possibili dovrebbero essere le seguenti: i due sistemi saranno in grado di accedere a risorse condivise, sarà possibile eseguire dei copia incolla tra una piattaforma e l’altra e, inoltre, si potranno spostare i file.

Attualmente, ci sono due scogli da superare: il primo riguarda l’approvazione da parte di Windows e Android, il secondo è legato alle prestazioni del telefono che potrebbero essere un po’ limitate, ma si confida nel costante e veloce sviluppo di nuovi sistemi tecnologici.

Galaxy Note 7: danni per un miliardo di dollari

Nel frattempo, Samsung ha fatto davvero un bel regalo ad Apple. L’azienda sud coreana ha infatti deciso di richiamare volontariamente tutti i Galaxy Note 7 già inviati sul mercato, per un problema alla batteria. Il lancio del nuovo iPhone 7 può quindi farla da protagonista in assoluta solitudine.

Per l’azienda di Suwon si tratta di un danno economico importante, ma quello all’immagine lo è forse ancor di più. A meno di un mese dal lancio del prodotto, 2,5 milioni di dispositivi erano già stati spediti ai commercianti. Ricordiamo che il problema è sorto nel momento in cui, nei giorni scorsi, alcuni Galaxy Note 7 sono esplosi a causa di batterie difettose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *