Windows 10 Redstone: attesa la prima parte prevista per Giugno

Già da diversi mesi gli insider stanno testando le build per la nuova versione del sistema operativo di Microsoft. Windows 10 Redstone, questo il nome della release, è stato annunciato diviso in due parti, denominate RS1 e RS2. La prima, dovrebbe essere rilasciata proprio nel mese di Giugno 2016; la seconda, inizialmente prevista per l’autunno, è slittata al primo semestre del 2017.

Windows 10 Redstone: Islandwood e unificazione dei sistemi operativi

Microsoft, con la nuova release, affronterà seriamente il progetto Islanwood, ovvero il tool che finalmente consentirà agli sviluppatori Apple di creare le Universal App, valide per diversi sistemi operativi. Questa è una delle novità più importanti che dovrebbero arrivare con Windows 10 Redstone, la nuova versione del programma di Microsoft. Altro obbiettivo dovrebbe essere quello dell’unificazione dei sistemi operativi per PC e Mobile. Entrambe le novità sono riferite all’uscita della prima parte, ovvero l’RS1, mentre con la seconda ci si aspettano diverse migliorie soprattutto dal punto di vista grafico. Alcune modifiche anche al codice e al cuore del sistema, ma per ora non sono arrivate conferme ufficiali su nessuna delle novità previste. Praticamente, dovrebbe trattarsi di Windows con un po’ di Apple. Intanto, alcune dati raccolti rivelano che negli Stati Uniti Windows 10 ha finalmente sorpassato Windows 7 nelle vendite, dopo che al rilascio del nuovo sistema operativo molti erano tornati indietro segnalando diversi problemi legati all’aggiornamento.

Microsoft guarda al futuro: Windows 11 non ci sarà

L’annuncio, in realtà, è di parecchio tempo fa, ma finalmente si comincia a capire che il mancato rilascio di qualsiasi ulteriore versione dopo Windows 10, non significa la fine di un’era, bensì la sua prosecuzione all’insegna del cloud. Si va verso un futuro in cui, per un PC, la memoria fisica non sarà più necessaria; di conseguenza i software verranno modificati, man mano, direttamente dai produttori. Ecco perché non ci saranno più nuove versioni, ma solo aggiornamenti più frequenti. Il primo tra questi è proprio Windows 10 Redstone, per il quale gli utenti attendono l’imminente rilascio. In base a quanto è emerso da diversi rumors, si tratterà di una release che punta molto all’unificazione, sia tra PC e Mobile, sia con altri sistemi (vedi Apple). Del resto, l’era attuale è quella dei device iperconnessi, dove un nuovo sistema operativo, oggettivamente, non è più necessario. Oltretutto, un aggiornamento risulta anche più sicuro in termini di protezione rispetto ad un nuovo software.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *