Come fare il downgrade di OSX

Se hai da poco installato il sistema operativo OSX sul tuo Mac, ma ti sei accorto di preferire la vecchia versione, niente panico: a tutto c’è una soluzione. Sappi, tuttavia, che compiere alcune operazioni non è consigliato. Soprattutto se non hai molta esperienza con questo tipo di attività. Ad ogni modo, quella che ti proponiamo di seguito è una breve guida su come fare il downgrade di OSX, in caso di necessità. Per correttezza, dobbiamo fare alcune precisazioni. Un simile intervento potrebbe generare dei malfunzionamenti sul sistema operativo. Nonché avere degli effetti anche sui file presenti sul tuo Mac. Pertanto, prima di procedere, fai un backup dei tuoi contenuti.

Come fare il downgrade di OSX: tutti i passaggi

Come premesso, il primo step è quello di eseguire un backup recente di tutti i tuoi file. Fondamentale è anche avere un backup di Time Machine fatto da Mavericks. O di qualsiasi altro sistema operativo tu voglia ripristinare. A seguire, per iniziare il downgrade, devi avviare la modalità di ripristino. Potrai farlo tenendo premuto il tasto Commando + R sulla tastiera del tuo Mac.

Nella schermata che ti comparirà davanti, dovrai scegliere “Utilità” dal menu OSX e poi “Ripristina”. Nel caso tu voglia ripristinare Time Machine clicca su “Ripristina da Backup di Time Machine”.

A questo punto, collega al Mac l’unità esterna sulla quale è presente il backup del sistema operativo che vuoi ripristinare. Clicca su “Continua” e segui le istruzioni presenti nelle varie schermate.

Come ultimo passaggio, ti verrà chiesto di scegliere l’unità di destinazione. Ovviamente, dovrai scegliere l’unità dove è installato OSX che verrà completamente cancellato (assieme ai file presenti sul Mac).

Quanto dura il ripristino? Quali sono i rischi?

Prima di tutto, nel momento in cui avvii la procedura, non dovrai interromperla per nessun motivo. Assicurati che il Mac sia collegato alla batteria e che non vi siano sbalzi di elettricità.

Il ripristino potrebbe durare diverse ore. Il nostro consiglio è di avviare l’operazione di notte.

Non si tratta di un’operazione irreversibile. Pertanto, se in futuro volessi aggiornare di nuovo a OSX, potrai farlo in qualsiasi momento.

Al termine della procedura, ritroverai il tuo Mac equipaggiato con il sistema operativo da te scelto. Assieme a tutti i file contenuti nel backup.

Se effettuerai i passaggi in modo corretto, non dovrebbe presentarsi alcun problema. Tuttavia, qualche utente ha segnalato alcuni malfunzionamenti delle porte ethernet e della connessione in generale. In linea di massima, però, queste problematiche sono piuttosto rare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *